Scoprire il Dolore per Aprirsi alla Guarigione

25.04.2020

Scoprire il Dolore per Aprirsi alla Guarigione

La nostra Arianna Aiello, Counsellor in Formazione presso KaroMe', ci dona un meraviglioso articolo sulla scoperta del dolore per aprirsi alla guarigione.

Respiro. Mi sveglio e respiro, mi alzo dal letto e respiro, faccio colazione e respiro, mi preparo per andare a lavorare e respiro.

Finalmente respiro!

È strano pensare come l'obbligo di indossare una mascherina in questo particolare periodo, mi abbia resa libera da quella che abitualmente indosso per non sentire le mie ferite.

Le nostre paure e le nostre debolezze sono diventate i nostri punti di forza e ora più che mai è fondamentale scoprire noi stessi.

Oggi che tutto si è fermato possiamo darci tante occasioni: leggere quel libro che abbiamo comprato e che non abbiamo mai avuto il tempo di aprire, fare pratica di yoga e di meditazione, avere molta cura di noi stessi, metterci anche un filo di rossetto e magari avvicinarci a qualcosa che non abbiamo mai avuto il coraggio di fare prima.

Possiamo soprattutto scoprire autenticamente cosa sentiamo nel nostro Io più profondo.

Tutto questo con l'aiuto di un piccolo e semplice gesto: il respiro.

Il respiro ci unisce, non ci fa sentire soli, ci connette con il mondo e con la natura e più semplicemente ci fa vivere.

Possiamo rimettere i tasselli al proprio posto e ricordarci di quanto amore siamo circondati, dalla nostra famiglia ai nostri amici più lontani e sentirci stretti in un unico abbraccio.

L'amore è già dentro di noi: basta guardarci un po' più a fondo.

Ormai l'abbiamo compreso: il mondo si è fermato e così anche noi.

Abbiamo bisogno di muoverci adesso con piccoli passi per ricominciare a vivere e sono sicura che niente tornerà come prima, ma sarà ancora più bello.

Allora torniamo al respiro e cominciamo a vivere nel qui ed ora.

L'articolo è stato scritto da

Arianna Aiello, 

Counsellor in formazione 

presso KaroMe'

Arianna Aiello, racconta di sé: 
"Sono Arianna e mi piace tantissimo essere soprannominata Ari.
Sono una ragazza vivace, solare e molto affettuosa, e infatti traspare anche dalla foto che ho scelto che ricorda un bellissimo momento del ritiro estivo svolto all'interno del mio cammino a KaroMe'.
Sono molto sensibile e amo ascoltare e aiutare le persone che mi circondano.
Ringrazio Marianna e le Tutors per avermi dato la possibilità di scrivere per la prima volta un mio articolo.
Cammino nella vita a piccoli passi.
Namastè"